MAROCCO-TURISMO.IT

 

INFO GENERALI

 

 

 

DOVE DORMIRE

 

 

 

VISITARE IL MAROCCO

Le Città Imperiali

 

 

 

 

La Costa Atlantica

 

 

 

La Costa Mediterranea

 

 

 

 

NOLEGGIO AUTO

 

  • -Noleggio Auto in Marocco

 

 

 

Cosa vedere a Rabat in Marocco!

 

 

Appena giunti a Rabat si rimarrà meravigliati dall’imponenza delle mura (avevano uno spessore di più di due metri) costruite dagli Almohadi al fine di proteggere un’area di 120 ettari (che comprendeva la piana che domina la necropoli di Chella).


La cinta muraria era completata da 5 porte considerate dei veri e propri capolavori di estetica monumentale in pietra: 4 nella parte occidentale (Bâb el Alou, Bâb el Had, Bâb er-Rouah, e quella acclusa all'attuale Palazzo Reale) ed una nella parte meridionale (Bâb Zaër).


Le mura furono completate nel corso del XIX secolo, quando fu costruita un'altra fortificazione lunga circa quattro chilometri, sulla quale furono aperte altre quattro porte (Bâb el Qebibât, Bâb Témara, Bâb Marrakech et Bâb el Msalla).


Imperdibile è anche il quartiere fortificato denominato Kasba degli Oudaïa (tribù incaricata da Moulay Ismail di difendere la città dai pirati andalusi); sorge su un contrafforte roccioso al quale si ha accesso dalla monumentale porta Bab el Qudaia.


Poco lontano vi è Torre di Hassan (il minareto, alto 44 metri, di una moschea rimasta incompleta), voluta da Yaqub al-Mansur, della dinastia berbera degli Almohadi che anelava di costruire la moschea e la torre più grandi del mondo. Questo  complesso storico è completato dal Mausoleo di Mohammed V (che guidò il Marocco verso l'indipendenza)  che venne realizzato nel 1962.


Alle porte di Rabat vi è la Necropoli di Chellah, un tempo importante porto romano, oggi è sito archeologico medievale che custodisce la vestigia di una città romana (vi si possono ammirare i resti Decumano Massimo (via principale), di un foro, di una fontana monumentale e di un arco di trionfo).

 

Tra i musei principali di Rabat spiccano: il Museo Archeologico (aperto nel 1930 ospita  reperti preistorici, pre-romani, romani e di matrice tipicamente islamica) e  il Museo degli Oudayas (museo etnografico inaugurato nel 1915; custodisce strumenti musicali di rara fattura,  splendidi gioielli berberi, meravigliosi vasellami di Fès, pregiati tappeti).

 

 

  •  
  •  

Condividi

 

guide di Viaggio

Le tue Guide di Viaggio

 

 

Marocco-turismo.it è una realizzazione
Net Reserve srl
Via A. Lamarmora, 22
50121 Firenze
Tel: 055.573331
P.Iva/C.F 02291930481

 

 




CURIOSITA' Tradizione, cultura

CUCINA IN MAROCCOSapori forti, ingredienti genuini

HOTEL IN MAROCCODove dormire

GEOGRAFIAClima, territorio